Da Salce al Mugello!

Andrea Dal Pont e alcuni nostri soci si sono recati a Scarperia per partecipare alla festa del locale Gruppo Alpini.

Festeggiato a Scarperia il 40 anniversario del gruppo Alpini.

Il tempo di festeggiare il 20° anniversario della commemorazione della festa alpina a Casaglia l’ultima alpestre frazione di Borgo San Lorenzo nei contrafforti appenninici, avvenuta domenica 6 agosto 2017, che fu molto partecipata come scrivemmo ampiamente in un lungo resoconto su Ok!Mugello, che domenica scorsa 20 agosto 2017, ecco che il Gruppo Alpini di Scarperia ha festeggiato e commemorato il 40° anniversario della fondazione avvenuta nel lontano 1977.

Anche in questo caso la cerimonia è stata molto partecipata ed è iniziata come da programma ufficiale alle ore 9 con l’ammassamento dei partecipanti nello spazio antistante il parcheggio degli alpini, a fianco del cimitero comunale, il tutto coordinato dal cerimoniere Francesco Rossi.

Con in testa al corteo i vessilli della Sezione di Firenze e della Sezione di Bassano del Grappa, quindi la Fanfara degli Alpini di Bassano, il Gonfalone del Comune di Scarperia e S. Piero con il Sindaco Federico Ignesti, il Vice Sindaco Francesco Bacci, il Comandante della Polizia Municipale dell’Unione Mugello Stefano Baldini, il Maresciallo dei Carabinieri della Stazione di Scarperia Francesco Fiore, il Maresciallo della Guardia di Finanza della Luogotenenza di Borgo San Lorenzo e per ultimo, ma non ultimo, il Parroco di Scarperia don Francesco Chilleri, quindi il Labaro della Misericordia di Scarperia con al seguito un bel numero di Confratelli.

Subito dopo il Vice Presidente Vicario della Sezione di Firenze Gianni Belli, con al fianco le corone di alloro che saranno poi deposte ai due monumenti ai Caduti. A seguire tutti i rappresentanti delle Sezioni presenti con i propri gagliardetti e vessilli e dietro allo striscione della Sezione Ana di Scarperia gli Alpini della Sezione locale con tutti gli ospiti presenti alla Manifestazione; era presente altresì anche il Coro Alpino del Mugello diretto da Paolo Martelli.

In perfetto orario il lungo corteo si è mosso, sotto le note della Fanfara, nel viale Matteotti in direzione sud; effettuando la prima sosta di fronte al monumento ai Caduti della prima guerra mondiale, per l’alza bandiera e successivamente dopo la benedizione impartita da don Francesco Chilleri, sotto le note dell’inno di Mameli, del Piave prima e del Silenzio d’ordinanza poi, è stata deposta la corona ai piedi della lapide dalle autorità civili e militari, davanti alla vecchia e grande quercia di Senni.

Il corteo ha poi proseguito, attraversando il piazzale Garibaldi, in direzione del monumento ai Caduti dell’ultima Guerra, ai giardini comunali. Anche in questo caso è stata ripetuta la stessa cerimonia, con benedizione impartita da don Francesco Chilleri, il silenzio d’ordinanza del trombettiere della fanfara di Bassano e deposizione di una corona di alloro, da parte delle autorità, ai piedi del monumento.

Attraversando i giardini, il corteo ha proseguito in via Lippi per poi entrare nel viale Kennedy in direzione della centralissima via Roma, attraversando il paese fino all’estremità nord, per poi ritornare in direzione della piazza dei Vicari per proseguire la cerimonia nell’atrio all’interno del Palazzo.

Dopo aver posizionato sapientemente tutti i partecipanti, con le autorità, rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’arma ed un foltissimo numero di persone, il Cerimoniere Rossi ha preso la parola per illustrare il programma successivo e dando poi per primo la parola al Sindaco Ignesti.

Al termine di un discorso ricchissimo di contenuti e dopo un breve cenno alla storia di questa Sezione degli Alpini di Scarperia giunta al 40° anno di attività, il primo cittadino ha sottolineato l’importanza che questa Associazione ha avuto nel tempo ed attualmente, nell’economia sociale e civile della nostra comunità.

Ha preso la parola poi il Capogruppo della Sezione Roberto Dei, soffermandosi ancora più specificatamente sul lavoro svolto negli anni dalle penne nere di questa Associazione.

Quindi il segretario della Sezione Danilo Ravalli, che con il suo intervento si è addentrato ancora di più nel lavoro svolto nel primo quarantennio di attività della Sezione Alpini di Scarperia, fornendo ai presenti alcune interessantissime cifre dei tanti interventi sostenuti in loco, ed anche in occasione di gravissime calamità nazionali.

Dopo la consegna di un ricordo della cerimonia odierna, a tutte le Sezioni Ana presenti, iniziando da quegli provenienti da più lontano: Bassano del Grappa, Belluno, Castelsanpietro Terme, Brisighella, Marradi, Palazzuolo sul Senio, la Sezione Valdarno Superiore-Ombrone, Fucecchio, Montale, tutte le Sezioni Mugellane, Vicchio, Borgo S. Lorenzo, S Piero a Sieve, Barberino di Mugello ed il nutritissimo Gruppo di Firenzuola.

A questo punto Ravalli affronta un aspetto molto commovente della cerimonia, chiamando sotto la pedana tutti i familiari di soci venuti a mancare in questo quarantennio, per consegnare loro un ricordo del 40° Anniversario della Sezione Alpini di Scarperia. Momenti commoventi ed emozionanti.

Gianni Belli, Vice presidente Vicario della Sezione di Firenze, portando il saluto del Presidente e complimentandosi per l’organizzazione della cerimonia del 40° anniversario dalla fondazione, ha sottolineato il valore che queste associazioni hanno per il lavoro che svolgono su tutto il territorio nazionale.

Dopo la lettura della preghiera dell’Alpino, l’assemblea viene sciolta per dare a tutti la possibilità di raggiungere la Croce dei Crocioni in tempo per la S. Messa delle ore 11,30, officiata da don Francesco Chilleri accompagnata dai canti dal Coro Alpino del Mugello.

Al termine della cerimonia religiosa , dopo la benedizione, il pievano in prossimità di lasciare l’incarico di responsabile dell’Unità Pastorale di Scarperia S. Agata e Fagna, ha colto l’occasione per salutare tutti i presenti ed in particolare augurare alla Sezione Alpini di Scarperia di proseguire anche in futuro nell’attività fin qui svolta.

Dulcis in fundo, l’appuntamento è alla Pieve di Santa Maria a Fagna per le ore 13, per degustare dei favolosi tortelli sotto i tendoni sapientemente montati dagli Alpini di Firenzuola, dove oltre 250 persone hanno pranzato insieme in mezzo a tanta amicizia, genuina e profonda come gli alpini sanno trasmettere, mettendo il sigillo a questa bellissima giornata, augurando a tutti di ritrovarsi fra 10 anni per festeggiare le nozze d’oro della Sezione Alpini di Scarperia. Un grazie sincero per il loro fattivo contributo alla stesura di questa recensione agli amici Pierluigi Guasti e Simone Dei.

Foto 2. La cerimonia dell’alza bandiera davanti al cippo ligneo dei Caduti della I° Guerra Mondiale.

Foto 3. La bella sfilata dei Gruppi Alpini nel centro storico di Scarperia

Foto 4. La consegna da parte del sindaco di Scarperia San Piero Federico Ignesti di una targa ricorda per il 40° Anniversario della Fondazione.

Foto 5. La Santa Messa al campo celebrata da don Francesco Chilleri sulla cima della collinetta dei Crocioni

Foto 6. Dopo la grande manifestazione tutti gli alpini con i loro famigliari a tavola a Santa Maria a Fagna.

(Articolo di Aldo Giovannini per okmugello.it)

(Foto cronaca di Simone Dei)

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.